Per il ventennale della scomparsa del Prof. Marco Biagi si tiene il XIX Convegno internazionale in suo ricordo

Oggi 26 e domani alla Fondazione Marco Biagi, a Modena

In occasione del ventesimo anniversario della scomparsa del Prof. Marco Biagi, la Fondazione a lui intitolata e Unimore organizzano il XIX Convegno internazionale in suo ricordo. L’evento, dal titolo “Work Beyond the Pandemic. Towards a Human-Centred Recovery”, si terrà nelle giornate del 26 e del 27 maggio presso la Fondazione Marco Biagi (Largo Marco Biagi, 10) a Modena, con la partecipazione di docenti, ricercatori e ricercatrici della comunità scientifica nazionale e internazionale.

Nel corso delle due giornate cui è dedicata l’iniziativa, autorevoli studiosi provenienti da tutto il mondo si confronteranno, in una prospettiva interdisciplinare e comparata, sulle principali questioni sollevate dalla pandemia da Covid-19 nel mondo del lavoro, senza tralasciarne gli effetti sulla società e sull’economia e su quello che sarà il futuro del lavoro nell’era post-emergenziale.

L’evento sarà inaugurato dai saluti del Rettore di Unimore, prof. Carlo Adolfo Porro e del Prof. Tommaso Fabbri, Direttore del Dipartimento di Economia “Marco Biagi” di Unimore e Vice Presidente del Comitato scientifico della Fondazione Marco Biagi.

Alla prima sessione plenaria, in cui relatori e relatrici introdurranno le tematiche oggetto del Convegno, seguiranno cinque sessioni parallele.

Le tematiche, cui sono dedicate le singole sezioni parallele, rappresentano ciascuna un aspetto centrale del tema cui è intitolato l’evento e sono finalizzate, in quanto tali, a fornire alla platea dei partecipanti un’analisi interdisciplinare e comparata degli effetti prodotti dalla pandemia da Covid-19 sul mondo del lavoro.

La prima sessione illustrerà le principali misure adottate da Portogallo, Italia, Irlanda, Russia, Turchia e India per rispondere alle sfide che la pandemia ha lanciato al diritto del lavoro dei singoli Paesi e, parallelamente, analizzerà l’impatto che la stessa ha avuto sui soggetti più vulnerabili.

A dare avvio alla seconda giornata del Convegno internazionale sarà la sessione parallela dedicata all’approfondimento del tema del lavoro da remoto, quale misura cui i Paesi hanno fatto ricorso per salvaguardare i livelli occupazionali e la produttività delle aziende. I relatori riserveranno un focus al tema delle implicazioni che tale modello organizzativo può avere sull’orario di lavoro.

Nel corso della terza sessione parallela verranno affrontate le questioni del gender gap, del caregiving e della trasformazione digitale dei luoghi di lavoro, rispetto alle quali la pandemia da Covid-19 si è posta come acceleratore di dinamiche già in atto.

Nella quarta sessione sarà dedicato un apposito spazio al dialogo sulle strategie promosse dall’Unione Europea per fronteggiare la crisi sociale ed economica causata dall’epidemia. Parallelamente, verrà esaminata la questione dell’obbligo vaccinale e ne verranno valutate le implicazioni sul rapporto di lavoro.

L’ultima sessione parallela sarà centrata sul ruolo della dimensione collettiva durante la pandemia da Covid-19 e sul suo potenziale nell’era post-pandemica nonché sulle politiche di sicurezza sociale e well-being adottate nel contesto lavorativo in piena emergenza sanitaria. Tali tematiche offriranno ai relatori l’occasione per discutere anche sui livelli di tutela riconosciuti ai lavoratori autonomi e ai lavoratori delle piattaforme digitali.

L’evento si concluderà con una sessione speciale in cui amici, amiche, colleghi e colleghe condivideranno con i presenti un ricordo di Marco Biagi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.