Tesser: “Gara difficile, ma pensiamo a noi, dobbiamo essere continui per 90′”

“Contro la Ternana abbiamo ritrovato la mentalità che conoscevo, a Cagliari serve consapevolezza dei nostri mezzi. In campo senza paura mettendo la nostra qualità”

Vigilia con qualche dubbio e timore per le condizioni di alcuni suoi giocatori (non svela chi) per Attilio Tesser, tecnico del Modena che nella giornata di domani, venerdì 2 settembre, farà visita al Cagliari nell’anticipo della quarta giornata di Serie B alle ore 20.30. Il tecnico veneto, che ha avuto una breve esperienza in Sardegna sulla panchina rossoblù nella stagione 2005-2006 (esonerato dopo una giornata!), ha parlato in conferenza stampa della sfida. Queste le sue parole.

Sulla gara

“A Cagliari ci aspetta una partita importante, contro una squadra di grande valore e indicata da tutti tra le 2-3 favorite alla vittoria finale. Troviamo una squadra completa, con esperienza e fisicità: hanno la maggior qualità tra quelle che abbiamo incontrato finora. L’ambiente può mettere soggezione, uno stadio piccolo, che ti mette il fiato sul collo e trascina un Cagliari di qualità. Noi dovremo avere rispetto degli avversari ma anche andare avanti convinti. Dobbiamo pensare a noi stessi, alle nostre consapevolezze, ai nostri valori, senza farci trascinare dentro le situazioni”.

Sul Cagliari e sulla propria esperienza in Sardegna

“Fin qui il Cagliari c’è sempre stato in campo, a livello caratteriale e a livello tecnico. Dobbiamo essere bravi noi a fare le nostre cose, chiedo ai miei ragazzi di andarcela a giocare con coraggio e la giusta convinzione. La mia esperienza là? Non ho avuto neanche il tempo di acclimatarmi, per quanto abbia conosciuto persone cordiali e gentili, ma è un’esperienza dimenticata da tanto tempo, come se non ci fosse mai stata. Dopo l’esonero lampo sono tornato a Cagliari qualche volta, ho salutato tutti con cortesia, anche con il presidente Cellino. Tra noi non c’è mai stato nulla”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.