Dionisi: “Consapevolezza e umiltà per confermare la vittoria di Milano”

In questa settimana c’erano più entusiasmo e autostima, cose che ci devono essere sempre. Al tempo stesso non ci possiamo rilassare per la classifica e per il valore dell’avversario che andiamo ad affrontare”. Per il sassuolo si è chiuso il mercato con alcuni colpi in entrata e in uscita nelle ultime ore: sono partiti Traorè, Kyriakopoulos, Ayhan e Antiste, sono arrivati Zortea e Bajrami. Il tecnico nella conferenza parla di quelli che sono partiti e quelli che sono arrivati. “Bajrami e Zortea potrebbero giocare. Lopez? La situazione non è solo fisica”.

Dopo il 5-2 rifilato al Milan a San Siro nella scorsa giornata, Alessio Dionisi aveva fatto il pompiere, consapevole del fatto che non è il momento di abbassare la guardia e peccare di presunzione, anche perché questa sera al Mapei Stadium arriva l’Atalanta (ore 20,45).

“Dopo la partita di domenica scorsa sicuramente dentro di noi è riaffiorata un po’ di consapevolezza che forse avevamo smarrito. Sappiamo il nostro valore, ma va dimostrato in campo e i risultati precedenti ci avevano fatto perdere qualche sicurezza. Non dobbiamo dimenticarci di questo, ma dobbiamo anche prenderci quello che ci siamo meritati dopo il Milan. I ragazzi hanno fatto una grande prestazione, che ha portato a un risultato importante, ma troppo spesso dopo un risultato del genere siamo caduti e in questo momento sarebbe veramente un grande errore ricadere. Servono determinazione, consapevolezza e umiltà per affrontare l’Atalanta, una squadra forte, forse la più in salute in questo momento, che esprime un calcio molto verticale, che può attaccare e fare gol in molti modi e lo sta dimostrando”.

Sui nuovi arrivati.

“Bajrami l’ho già allenato, non godrà di preferenze per questO, ma mi aspetto molto di più per quanto fatto insieme in passato. Ha bisogno di tempo, anche se tempo non c’è, speriamo ovviamente possano dimostrare tutto subito. Bajrami ha qualità diverse dai nostri giocatori offensivi. Sono convinto anch’io che possa fare bene. Ha già fatto un buon campionato l’anno scorso con l’Empoli. Sono contento che la società lo abbia portato qui. Abbiamo rinunciato a un giocatore straordinario come Traorè ma abbiamo preso un giocatore giusto. Lui si deve mettere a disposizione non mia ma dei compagni e i compagni lo aiuteranno per metterlo in condizione di dare una mano alla squadra. Nel medio termine sono convinto che darà una mano alla squadra”.”.
Dionisi su Marchizza e Lopez

“Marchizza non si è allenato nei primi giorni della settimana ma da mercoledì ha lavorato in gruppo e sarà della partita. Lo spero perché è tornato in campo da titolare a quasi un anno dall’infortunio. Maxime, è una situazione che stiamo monitorando, non è una situazione fisica, è anche mentale. I giocatori devono avere la volontà e la determinazione di giocare per questa maglia, ci si”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *